In memoria di Ilaria e Miran ….

Pubblicato: 20 marzo 2014 in Uncategorized

Immagine

Ieri sera a Pescara abbiamo presentato il nostro documentario davanti a una sala attenta, viva. Abbiamo ricordato Don Peppe Diana e il suo impegno contro le criminalità. Oggi siamo a Ferrara insieme agli amici di Libera per raccontare Peppino, non ha senso parlare di lui se dopo non ci mettiamo in prima linea nei nostri territori. Questo è il principale scopo del nostro “viaggiare”. Esattamente 20 anni fa a Mogadisco venivano barbaramente uccisi Ilaria e Miran….il giornalista e l’operatore…una professionale “coppia” come poche. Tra le loro indagini la costruzione di una strada inutile dove si cercavano di seppellire rifiuti tossici…forse armi… Ilaria e Miran…Peppino…Anna Politkovskaja …Giancarlo Siani…Peppe Fava …Mauro de Mauro…hanno sempre avuto uno scopo nel loro lavoro di reporter….raccontare la verità ….noi non li dimenticheremo mai…

Annunci

50x70_icona_realta

Abbiamo vinto! La Glassing ha ritirato lo spot che utilizzava l’icona di Peppino Impastato per pubblicizzare i propri occhiali.

Sabato scorso il pubblicitario della Glassing, Pasquale Diaferia, ha partecipato al convegno “Peppino Impastato: l’icona e la realtà” che ha visto coinvolti diversi rappresentanti dell’antimafia di Cinisi (Palermo), gli amici e familiari di Impastato. All’incontro, al quale ho avuto il piacere di partecipare portando la tua e le oltre 63.000 firme raccolte su Change.org, il pubblicitario ha dichiarato: “Io chiedo scusa ufficialmente per non aver chiamato la famiglia chiedendo l’autorizzazione dell’utilizzo dell’immagine di Peppino Impastato”.

Lo spot dunque è stato cancellato dalla programmazione televisiva e dallo stesso sito dell’azienda di occhiali da sole. Questa è la vittoria di tutti coloro che hanno firmato la nostra petizione e che si riconoscono della figura di Impastato come esempio educativo di grande integrità morale per aver contrastato Cosa Nostra in ogni sua forma, prendendo le distanze nei confronti del padre Luigi affiliato alla Mafia. Peppino Impastato all’età di 15 anni ha conosciuto cos’era l’organizzazione criminale Cosa Nostra e promettendosi di dare la vita per opporsi ad essa ha mantenuto tale impegno.

Un sincero grazie a tutti coloro che hanno sostenuto la nostra petizione da ogni parte dell’Italia e con diversi contatti dal mondo dove Peppino è conosciuto.

L’icona di Impastato non può in alcun mono essere mercificata. Questa è un’importante vittoria che va in questa direzione, ma c’è ancora molto da fare per tenere viva la memoria di coloro che sono morti combattendo la mafia. Per questo ti chiedo di firmare la petizione che chiede al Presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta, che il casolare dove fu assassinato Peppino Impastato venga consegnato alla collettività.

Grazie ancora,

Ivan Vadori
Regista “La Voce di Impastato”

muscul1
COMUNICATO STAMPA

“La Voce di Impastato”, Casa Memoria, Rete 100 Passi, il Centro Siciliano di Documentazione insieme alle 63.000 firme di Change.org hanno fatto sospendere lo spot riguardante Peppino Impastato. La “Glassing” sarà presente per porgere le sue scuse.

Sono passati solo due mesi dal lancio della petizione su Change.org da parte del regista friulano Ivan Vadori, autore dell’opera “La Voce di Impastato”, per chiedere il ritiro della pubblicità Glassing di Milano che ha utilizzato versi dell’attivista siciliano Peppino Impastato, barbaramente ucciso dalla mafia la notte tra l’8 e il 9 maggio 1978. Immediatamente si sono schierati con l’autore friulano la famiglia Impastato, Rete 100 Passi e il Centro Siciliano di Documentazione del prof. Umberto Santino. Ad oggi le firme raccolte sono già 63.000, in pochi giorni la rete si è mobilitata a difesa dell’attivista siciliano. I firmatari esprimono il loro dissenso per quanto concerne la mercificazione di un personaggio storico che ha dato la propria vita per contrastare Cosa Nostra. La pubblicità non si vede più in Tv, è cosa nota che i creativi della Glassing hanno inviato delle mail di scuse nei confronti della famiglia Impastato. “Abbiamo raggiunto l’obiettivo che ci eravamo prefissati – commenta Vadori – il consenso di tante persone legate alla figura di Peppino lo stanno dimostrando”. Gli autori della petizione hanno dunque deciso di fare un evento per ricordare chi è Peppino Impastato e per ringraziare ufficialmente tutti i firmatari che hanno reso possibile questa azione da parte di Glassing. L’evento si svolgerà venerdì 7 marzo a Cinisi nei pressi di Casa Badalamenti, bene confiscato al boss mafioso. In occasione del 7 marzo si rilancerà l’impegno di realizzare la confisca del casolare dove Peppino venne ucciso e renderlo un luogo di cultura.

Ecco i dettagli dell’iniziativa:

PEPPINO IMPASTATO

L’ICONA E LA REALTA’

L’ANTIMAFIA ALLO SPECCHIO. LA MEMORIA E LO SPOT, L’IMPEGNO E LA VETRINA

Incontro dibattito, Cinisi 7 Marzo 2014, dalle 16.00 alle 19.00

presso l’ex casa Badalamenti ,183

Interverranno:
Giovanni Impastato – Casa Memoria
Umberto Santino – Centro Impastato Palermo
Danilo Sulis – Rete Cento Passi
Ivan Vadori – Regista
Salvatore Palazzolo – giornalista Repubblica
Pasquale Diaferia – titolare dell’azienda Glassing
Dario Riccobono – Addiopizzo
Francesco Citarda – Coop. P. Rizzotto Libera Terra
Claudio La Camera- Osservatorio sulla Ndrangheta
Salvo Vitale – Ass. Impastato Cinisi
Salvatore Barbera- Change.org

Di recente abbiamo espresso il nostro disappunto per uno spot pubblicitario in cui veniva usata la figura di Peppino e sono state raccolte migliaia di firme a sostegno della nostra richiesta che venisse ritirato. Il problema che ponevamo è l’uso a fini commerciali di una figura come quella di Peppino che per tutta la vita ha lottato contro ogni forma di mercificazione.
Vogliamo cogliere l’occasione, anche in seguito a scambi di lettere con gli autori dello spot, per un incontro in cui si rifletta su cos’è l’antimafia oggi, per fare un punto sulla situazione.
Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato

image

Abbiamo preso un aereo e siamo giunti qui…a Montmartre ..nel cuore di Parigi …dove l’arte prende forma dalle piccole cose. Milioni di artisti hanno solcato queste strade e incontrato persone dalle quali hanno preso ispirazione per le loro opere conosciute in tutto il mondo…parliamo di Baudelaire, Wilde, Morrison, Chopin,Picasso, Monet…”qui l’arte la sanno rispettare” ci ha detto Danilo che qui si sta laureando in cinema… arriviamo a Parigi con umiltà e tanta emozione per volere raccontare la storia di Peppino …vogliamo esportare la vicenda di questo ragazzo che ha dato la vita per contrastare Cosa Nostra …che non si dica che in Italia ci sono solo persone schiave del sistema…Peppino ha detto e gridato il suo “No!” alla Mafia ed è stato coerente…Il piccolo e magico teatro Petit Theatre du Bonheur fondato nel 1901 che ci ospita è colmo di gente…Francesi, Tedeschi, Danesi, Italiani..presento il film con Giuseppe che mi traduce in francese un pò di biografia di Peppino perfettamente narrata nella pellicola “100 passi”di Giordana. Regna il silenzio in teatro per tutta la proiezione. Ai titoli di coda c’è un grande applauso, i francesi, danesi e tedeschi sono particolarmente scossi da questa vicenda. Gli amici siciliani e calabresi hanno molto apprezzato per avere visto questo documentario prodotto in Friuli. Questa è la magia di Peppino…unisce le persone che credono nella Bellezza….noi andiamo avanti perchè “La voce di Impastato” sono tutte le persone che giorno per giorno costruiscono un mondo un pò migliore di quello che hanno trovato….Merci Paris!

peppino-impastato1

I versi poetici, riguardanti la Bellezza, scritti dall’attivista siciliano Peppino Impastato, una vita contro la mafia e trucidato da Cosa Nostra il 9 maggio del 1978 – sono diventati uno spot pubblicitario per occhiali, utilizzati a scopo di marketing dall’azienda Glassing.

Hanno realizzato lo “spot” senza alcuna autorizzazione da parte della famiglia! NOI GRIDIAMO IL NOSTRO DISSENSO e vogliamo che lo spot venga immediatamente ritirato!

Siamo vicini alla famiglia Impastato che afferma: “Peppino è sempre stato contro il consumismo”. La famiglia si è avvalsa della tutela legale dell’avv. Vincenzo Gervasi che chiede l’oscuramento di tale video.

“Insegnamo la bellezza alla gente. Così non avremo più abitudine, rassegnazione, ma curiosità, stupore”, diceva Peppino. “La bellezza a cui pensava Peppino era fatta di spontaneità e non di marketing”, dice ora il fratello Giovanni Impastato. “Era impegno civile e non mercificazione. Per questo la famiglia Impastato ha deciso di donare la casa di Peppino alla società civile, quella casa è oggi patrimonio di tutti. Peppino è di tutti, nessuno può appropriarsi del suo nome”.

Vogliamo iniziare bene il nuovo anno senza se e senza ma tutelando la memoria di Peppino. Chiediamo a Glassing di ritirare lo spot con i versi poetici di Peppino.

Ivan Vadori, regista de “La Voce di Impastato”
NOI GRIDIAMO IL NOSTRO DISSENSO ! FIRMATE ANCHE VOI LA NOSTRA PETIZIONE !

FIRMATE E DIFFONDENTE ! NOI SIAMO IN CONTATTO DIRETTO CON L’AVV. GERVASI, legale della Fam. Impastato

http://www.change.org/it/petizioni/ritirate-lo-spot-glassing-con-i-versi-sulla-bellezza-di-peppino-impastato

image

(foto scattata nel bus Palermo-Trapani il 16 dicembre 2013, con 16° di temperatura)

Un semplice GRAZIE alle centinaia di persone che hanno condiviso con noi questo stupendo viaggio che ci ha portati in 27 luoghi d’Italia…sono tante le persone, i volti, i sorrisi, le commozioni che ci hanno accompagnato in questo stupendo itinerario…uniti nella voglia di migliorare questo Paese come ha fatto Peppino che ha sempre coltivato il fiore della Bellezza …Partiti da Cinisi il 29 agosto con l’anteprima nazionale nello Z11 abbiamo girato l’Italia in lungo e in largo arrivando alla proiezione di ieri di Aviano…abbiamo condiviso il nostro documentario con autorevoli testimoni dell’antimafia come NINO DI MATTEO, GIOVANNI CHINNICI, LIRIO ABBATE, CICCIO LA LICATA, ROBERTO SAVIANO…abbiamo fatto conoscere GIUSEPPE GULOTTA a SALVO VITALE e GIOVANNI IMPASTATO..porteremo una mostra di PIER PAOLO PASOLINI a Casa Badalamenti in primavera…ora ci prendiamo un pò di pausa per lavorare sul montaggio dei sottotitoli e partiamo più carichi che mai con la proiezione del 17 gennaio a MOGLIANO VENETO dove Don Elio ci vuole presenti nella sua parrocchia… siamo molto felici della prima proiezione estera a Parigi il 6 e 9 febbraio, è bene esportare dal nostro Paese un’autorevole attivista come PEPPINO IMPASTATO.. senza di voi che ci sostenete e seguite il nostro progetto non potremmo mai andare così avanti…abbiamo già fissato per il 9 maggio la proiezione a CASA BADALAMENTI, bene confiscato alla Mafia all’interno del forum nazionale in memoria di Peppino…il nostro viaggio continua e Voi siete con noi…dalla nostra parte…dalla parte giusta..dalla parte di Peppino…..

Ivan e tutto la staff de “La Voce di Impastato”

mandela

Ieri il mondo ha perso uno dei più grandi uomini del XX secolo, che ha saputo lottare con coerenza poichè è sempre stato convinto che il Bene vince sul male. Noi lo ricorderemo stasera alla proiezione a Saonara (Padova). Il sommo grande Mandela che ha scontato 27 anni di carcere ingiustamente vivrà solo attraverso i nostri gesti, nel nostro quotidiano. Sapremo certamente portare avanti le sue idee con coerenza e passione come ha fatto lui per tanti anni.
Il mondo ti piange oggi, ma tu vivrai per sempre nei nostri cuori.
Grazie maestro di Vita ! Riposa in Pace Madiba !

Ti ricordiamo con dei tuoi pensieri….che certamente Peppino ha sempre condiviso…

Ho lottato contro il dominio bianco e contro il dominio nero.
Ho coltivato l’ideale di una società libera e democratica nella quale tutti possano vivere uniti in armonia, con uguali possibilità.
Questo è un ideale per il quale spero di vivere…

Io credo che i bambini nel mondo debbano essere liberi di crescere e diventare adulti, in salute, pace e dignità.

Un vincitore è semplicemente un sognatore che non si è mai arreso.